mercoledì 19 dicembre 2012

Auguri di Natale

Carissime bambine e carissimi bambini della classe 3 a A con i vostri pensieri  per Natale ho realizzato  due video. 
Buona visione!!!
Ciao, ciao maestra Cristina



Auguri di Natale by coletta.c on GoAnimate


Video Maker - Powered by GoAnimate. Ancora auguri di Natale by coletta.c on GoAnimate

Animation Software - Powered by GoAnimate.

venerdì 14 dicembre 2012

Cartoni animati

 Ed ecco per voi bambini cartoni animati da me realizzati utilizzando   l'utilissimo programma GoAnimate!!!!!!






Un pomeriggio tra amici by coletta.c on GoAnimate

Animation Software - Powered by GoAnimate. Messaggio di Giulia e Marco by coletta.c on GoAnimate

Animation Software - Powered by GoAnimate.

Ciao, ciao maestra Cristina

domenica 9 dicembre 2012

Video classe 3 a A MSWMM 0001





L’albero dei poveri
di G.Rodari.


Filastrocca di Natale,
la neve è bianca come il sale,
la neve è fredda, la notte è nera
ma per i bimbi è primavera:
soltanto per loro, ai piedi del letto
è fiorito un alberetto.

Che strani fiori, che frutti buoni
oggi sull’albero dei doni:
bambole d’oro, treni di latta,
orsi dal pelo come l’ovatta,
e in cima, proprio sul ramo più alto,
un cavallo che spicca un salto.
Quasi lo tocco…Ma no, ho sognato,

ed ecco, adesso, mi son destato:
nella mia casa, accanto al mio letto,

non è fiorito l’alberetto.

Ci sono soltanto i fiori del gelo
sui vetri che mi nascondono il cielo.
L’albero dei poveri sui vetri è fiorito,
io lo cancello con un dito.







venerdì 7 dicembre 2012

mercoledì 28 novembre 2012

Video Autunno




Testi e voci dei bambini della classe 3 a  A


Video realizzato dalla maestra Cristina

domenica 11 novembre 2012

Testi sull'autunno

Alcuni lavori sull'autunno realizzati dai bambini
 della classe 3 a A

L'autunno

Foglie rumorose sotto ad ogni passo
che ormai hanno un colore acceso e rossastro
e nell'aria vanno a spasso.
Funghi marroni e molto gustosi
che a raccoglier andiamo numerosi.
La scuola è ormai riaperta
dove gli alunni vanno la mattina in tutta fretta.
Castagne e noci dagli alberi cadute
cotte e crude sono a tutti piaciute.
Enrico. F                   













venerdì 19 ottobre 2012

Poesia


L’ultima danza




Il vento d’autunno piega
l’ormai stecchita chioma
di un tiglio infreddolito,
solitaria sentinella
ai  margini di un campo
da poco tempo arato.

Su un nudo ramo, ondeggia
ingiallita e scheletrica
l’ultima  indomita foglia.

Una  vigorosa folata
presto la stacca,
tramutandola
in esperta ballerina.

Volteggia,
mulinella nell’aria
improvvisando
un’elegante ed antica danza,
simile a leggiadra farfalla
in primavera
per posarsi, infine,
arrendevole
nella scura, gelida terra.



                                  Cristina Coletta Pizzi

sabato 13 ottobre 2012

Autunno

Bentornato autunno!!!!!!



                                            GITA NEL BOSCO



Giacomo e Mara avevano atteso con molto entusiasmo ed ansia quel sabato per andare con i genitori a raccogliere le castagne nel bosco. La mattina avrebbero potuto riposare tranquillamente qualche ora in più, rispetto agli altri giorni, dal momento che non sarebbero dovuti andare a scuola, ma erano talmente emozionati che non riuscivano più a rimanere sotto le coperte. Alle 8,30 erano già svegli, pronti per la colazione. Le voci allegre ed insistenti dei bambini che reclamavano la colazione, destarono i genitori, i quali, quella mattina avrebbero preferito riposare qualche ora in più per recuperare le energie esaurite durante la settimana, ma ciò non fu proprio possibile. La famigliola, di buon mattino, si trovava già ad esplorare l’immenso bosco di castagni ai margini di una radura sulla cima di un monte, in cerca dei frutti che la natura, in questa stagione colorata e ridente, offre generosamente.I bambini, appena scesi dall’auto,parcheggiata in una piazzola, lungo la strada principale, cominciarono a correre all’impazzata nel grande spiazzo erboso che si trovarono davanti. Dopo aver liberato le loro energie vitali represse per tutta la settimana, con le guance arrossate dall’aria pungente e frizzantina autunnale e gli occhi lucidi di lacrime, si unirono ai genitori, i quali stavano imboccando un sentiero che si inoltrava nel bosco fitto di  alberi giganteschi. Giacomo e Mara si calmarono, cominciarono ad osservare questo mondo meraviglioso ed incantato. Potevano finalmente respirare aria pulita, profumata dagli odori delle piante e dalla terra fresca del bosco. Potevano ascoltare il silenzio interrotto, a tratti, dal cinguettìo dei passerotti , dal verso stridulo dei merli, dallo scricchiolìo delle foglie secche, calpestate al loro passaggio  o dal grido gioioso di Mara, quando riusciva a scorgere un fungo dal cappello rosso punteggiato di bianco.
-Mamma, mamma guarda che fungo bellissimo ho trovato!
- Ferma, Ferma non lo toccare! E’ velenoso!- Si affrettava a raccomandarsi il fratello più grande.
-Mara non  puoi raccoglierlo, i funghi buoni da mangiare hanno un grande cappello bruno e il gambo panciuto!
Il padre si era avviato,intanto, nei pressi di un fitto gruppo di maestosi castagni.
-Ehi voi! Venite un po’ a vedere. -
 I due bambini si precipitarono dal padre, il quale, con un bastone di legno, stava cercando di togliere le bellissime foglie colorate cadute, intorno alle radici del grande castagno, per poter osservare meglio il terreno sul quale sperava di trovare i lucidi marroni. Una folata imprevista di vento, aiutò il padre nella sua impresa. Il forte vento, sollevando, in un turbinìo multicolore, una miriade di foglie che improvvisarono una strana danza simili a bellissime farfalle volteggianti, riuscì a liberare completamente il terreno sotto l’albero.
Giacomo rimase incantato ad osservare il meraviglioso spettacolo per qualche istante, finchè le foglie non andarono a posarsi, non molto  lontano, vicino ad un  folto cespuglio di agrifoglio. Lo stupore fu immenso quando il bambino riuscì a scorgere una distesa di ricci dalle spesse spine ai piedi del grande castagno.
-Fai attenzione ! -Si raccomandò la mamma.-
- Non toccare i ricci, potresti bucarti.
Il bambino fece uno sforzo notevole per evitare di toccare i bellissimi ricci,che vennero raccolti dai genitori, i quali erano muniti di spessi guanti di pelle. La raccolta fu proficua, il padre e la madre riuscirono a colmare due bei cesti di vimini di grossi marroni che adesso, senza spine i bambini si divertivano a toccare e a lisciare come se fossero oggetti preziosissimi.
Mentre stavano facendo ritorno verso l’auto, Mara cominciò a gridare.
-Guardate, guardate! Le castagne vicino a questo cespuglio di rovi si muovono!
-E’ impossibile. Rispose il padre.
-Venite a vedere. Continuava, insistentemente Mara.
Tutti si avvicinarono al cespuglio ma non riuscivano a vedere niente di strano, ad un tratto un mucchietto di foglie cominciò a muoversi.
-Ve l’avevo detto che le castagne camminano!- Esclamò soddisfatta la bambina.
La mamma si avvicinò alle foglie e riuscì a scorgere un musetto appuntito con il nasino scuro, tolse le foglie dintorno e apparve il corpo di un riccio assonnato,che si muoveva a fatica.
- E’ un riccio vero,l’ho visto tante volte in fotografia ma questo è reale.
-  Probabilmente non riesce più a trovare la sua tana.- Dichiarò Giacomo.
-Papà, possiamo portarlo a casa?
- D’accordo.- Rispose accondiscendente il padre.
La sera Giacomo, Mara insieme ai loro genitori gustarono le deliziose caldarroste, davanti al fuoco scoppiettante del caminetto della grande sala, mentre il riccio accovacciato, nella sua nuova dimora, un cestino di vimini imbottito di cotone, si addormentava per il lungo sonno invernale.

Racconto tratto dal libro 
"Racconti per ragazzi" di Cristina Coletta  La Versiliana Editrice


lunedì 10 settembre 2012

Premiazione Lerici

Domenica 9 settembre  presso la Villa Marigola a Lerici si è svolta la  bellissima cerimonia di premiazione delle opere realizzate dai bambini delle classi 2 ^ A , 2^ B  e 2^ C della Scuola Primaria  "V.Veneto" di Calci durante l'anno scolastico 2011/2012 alla presenza delle insegnanti e dei genitori.


La  castagna



Noi viviamo in campagna       
ma un giorno siamo andati                           
in giro nei boschi di montagna      
dove vive la castagna.

Ciccio il riccio dormiglione  
per fare un bel lettone
ha raccolto insieme alla moglie
un bel po’ di foglie.

Sotto al grande castagno 
c’è uno stagno
dove vivono molti girini
in compagnia dei pesciolini.

Classe 2^ A




Filastrocca 2^ B

Indovina indovinello
Che cosa ci sarà nel cestello?
Fin dai tempi di Adamo ed Eva
Era un frutto appetitoso
E cresceva in un giardino meraviglioso.

Ha una forma rotondetta
Ma non è una ruota di bicicletta.
I suoi colori sono l’arancione
E l’oro splendenti
E le sue foglioline
Sembrano cuoricini sorridenti.

Se è ben maturo e lo tocchi con le dita
Affondale nella buccia
Perché la sorpresa è gradita.

E’ un frutto autunnale
Dal gusto speciale.

La sua polpa è dolce, morbida e cremosa
A volte sembra un po’ gelatinosa.

Se lo mangi ed è ben maturato
Sentirai il palato appiccicato.

Se lo assaggi e non è  maturo
Una bocca legata avrai di sicuro.

E se dall’albero….plof! Cade giù
Il merlo si precipita
E non lo lascia più.

Se a questo punto non hai indovinato
Vuol dire che un cachi
Tu non hai mai mangiato!




Arlecchino è furbo e birichino
ha sempre vuoto il suo pancino
col suo vestito colorato
va in giro allegro e spensierato.
C’è da fare mille risate
 con le sue toppe colorate.

Pantalone è un gran brontolone
e ha proprio un bel nasone
ha soldi a volontà
ma agli amici non ne dà;
il denaro è l’unico amore
ed è avaro come zio Paperone.

Classe 2^ C




Complimenti a tutti i bambini!!!! Bravi, bravi!!!!!!!!!!




mercoledì 5 settembre 2012

Inizio anno scolastico

Le lezioni riprenderanno il 12 settembre.

Bentornati a scuola!!!!!!!          
Le vostre maestre

lunedì 27 agosto 2012

Premio Letterario Città di Lerici


Carissimi bambini  le maestre comunicano il risultato del Premio Letterario di Lerici.
Vi aspettiamo numerosi il 9 settembre alla Villa Marigola a Lerici.
Buon proseguimento di vacanze!!!!  Le vostre maestre Cristina, Claudia e Francesca.









XX Premio Letterario Internazionale

“Città di Lerici
Lerici  9 settembre 2012

Gentile
CLASSI   II A - II B  -  IIC
SCUOLA PRIMARIA “V. VENETO” Di Calci (Pisa)

c/o Referente insegnante CRISTINA COLETTA PIZZI
Altre Insegnanti Claudia Bertani e Francesca Gallucci
nel ringraziarvi per la partecipazione alla ventesima edizione del Premio mi è gradito comunicarvi che la Giuria Vi ha attribuito il seguente prestigioso riconoscimento

MENZIONE DI MERITO
CLASSE  II A
SCUOLA PRIMARIA “V. Veneto”

****
MENZIONE DI MERITO
CLASSE  II B
SCUOLA PRIMARIA “V. Veneto”

***
MENZIONE DI MERITO
CLASSE  II C
SCUOLA PRIMARIA “V. Veneto”

La cerimonia di premiazione, alla quale Vi invito ad essere presente, avrà luogo a
Lerici  domenica 9 settembre 2012 alle ore 10
a Villa Marigola – Centro Studi della Cassa di Risparmio della Spezia.
Si prega di voler gentilmente comunicare la propria presenza (A MEZZO POSTA O EMAIL CON AVVISO DI RICEZIONE) entro il 1 settembre 2012 CHI NON CONFERMA ENTRO TALE DATA SARÀ CONSIDERATO RINUNCIATARIO.
È ammessa la delega, tramite lettera scritta, da inviare entro tale data alla sede LAPS. (FA FEDE IL TIMBRO POSTALE)
Grata a Lei che con la sua produzione letteraria ha voluto onorare questa ventesima edizione del Premio distintamente La saluto

                                                                       Presidente
                                                                 Giuseppina Morelli

   N.B. Questo invito non impegna l’organizzazione ad obblighi di qualsiasi genere nei confronti dei partecipanti. L.A.P.S. “Premio Città di Lerici” via Nelli, 6 – 50054 – Fucecchio
Telefono 0571 22008 (dal lunedì al venerdì 18-20) www.laps.it  e-mail: info@laps.it

- RICORDIAMO CHE GLI UFFICI LAPS RESTERANNO CHIUSI PER FERIE DAL 4 AGOSTO AL 10 SETTEMBRE COMPRESI. Per comunicazioni urgenti inviare una mail a info@laps.it.
- DAL 1 SETTEMBRE potete contattare DOMENICO CERRATI Responsabile Pubbliche relazioni Tel./fax 0187 970276 - domerati@alice.it






giovedì 26 luglio 2012

A scuola per crescere insieme: Cosa significa educare oggi?

A scuola per crescere insieme: Cosa significa educare oggi?: Cosa significa “educare” oggi? Breve riflessione. Operando da diversi anni  come insegnante nella  scuola primaria avverto la pro...

martedì 10 luglio 2012

Gioco del ponte 2012

Tramontana si aggiudica la XXXI edizione del Gioco del Ponte dalla ripresa nel 1982!




Il corteo dei bambini




             La sfilata dei Cavalieri di Tramontana








Anche quest'anno la squadra di Calci vince cambiando il risultato del gioco!!!






               Vittoria della parte di Tramontana





TRAMONTANA     4         MEZZOGIORNO   3




Un po' di notizie sul Gioco del Ponte




domenica 10 giugno 2012

Le maestre augurano ai  genitori ed ai bambini  Buone Vacanze!



domenica 13 maggio 2012

Festa della mamma


Tanti cari auguri a tutte le mamme del mondo!!! 




Maestra Cristina

domenica 15 aprile 2012

Un po' di tabelline

Per esercitarvi un po' con le tabelline cliccate sul leprotto che corre nella sezione dei giochi didattici alla vostra sinistra. Vi divertirete con il bellissimo gioco Ufo Leprotto di  Umberto Forlini. 
Ciao a tutti maestra Cristina




Cercate questa immagine  
                                                                           

mercoledì 4 aprile 2012

Buona Pasqua

Auguri di Buona Pasqua ai genitori ed agli alunni delle classi seconde!!!!






Le maestre




domenica 18 marzo 2012

MOMENTI DI SCRITTURA CREATIVA

ALCUNI PENSIERI SPONTANEI DEI BAMBINI DELLA CLASSE 2^ A


Quando tramonta il sole, le acque brillano e ondeggiano,
i pianeti girano e i fiumi ballano!


Nicola e Clotilde





Un giorno, sabato mattina,
la Primavera è già in cucina,
nella cameretta dei bambini!
Le mascherine ormai levate
ecco l'Aprile che ci saluta!
Il Carnevale è finito
e inizia la Pasqua!
Ma che gioia!!!!!


Emanuele P.

giovedì 9 febbraio 2012

Una bella lettura sull'inverno



La magia dell’inverno

E’ inverno quando sembra che tutto dorma, quando l’albero spoglio aspetta solenne con le braccia verso il cielo e un uccellino infreddolito si posa sui suoi rami. E’ inverno quando la mattina le gocce di rugiada sono diventate ghiaccio e scricchiolano sotto le tue scarpe. La terra ha messo un vestito di colore marrone scuro e nessun filo d’erba si sogna di affacciarsi al gelo. Lo senti dal freddo pungente che fa battere i denti e il vento che fischia fin dentro le orecchie. L’odore degli agrumi riempie l’aria e a mangiarli fanno stringere i denti. E quando nevica tutto si copre di un manto silenzioso e odi solo il battere del cuore in mezzo a un paesaggio di fiaba. Allora scopri che il Natale è finito. Dietro l’angolo c’è il Carnevale e mentre canti e balli il freddo non fa più paura. (Rosalba)


giovedì 2 febbraio 2012

Nevicata

Mercoledì 1 Febbraio scuole chiuse a Calci per l'eccezionale nevicata!!!!!


martedì 3 gennaio 2012

Auguri di Buona Epifania

Befana
Befana






Filastrocca


QUANDO E' L'ORA LA BEFANA


Quando è l'ora, la Befana
alla scopa salta in groppa.
D'impazienza già trabocca:
l'alza su la tramontana, 
fra le nuvole galoppa. 
Ogni bimbo nel suo letto
fa l' esame di coscienza:
maledice il capriccetto, 
benedice l' ubbidienza:
La mattina al primo raggio
si precipita al camino.
Un bel dono al bimbo saggio,
al cattivo un carboncino!







Befana
Befana